La Medicina del Sonno Stampa Email

La Medicina del Sonno si occupa della diagnosi e della terapia dei disturbi del sonno e delle loro conseguenze sui comportamenti dello stato di veglia.

Specialità clinica multidisciplinare, si avvale di contributi provenienti da diverse specialità mediche come la neurologia, la psicologia, l'odontologia, la pneumologia, la otorinolaringoiatria, e nei casi dei pazienti più giovani, la pediatria.

I primi studi della relazione tra il sonno e la salute risalgono all’antica Grecia, nei templi eletti in onore di Esculapio venerato come il dio della medicina, si trovarono testimonianze delle prime stanze del sonno terapeutiche. Nell'antica Grecia infatti, si pensava che bastasse dormire in un santuario consacrato ad Asclepio per guarire da ogni malattia. Duemila anni dopo, grazie a importanti scoperte, il misterioso legame sulle potenzialità diagnostico-terapeutiche dei sogni si iniziò a svelare.

Negli anni 50’ grazie alle scoperte di neurofisiologia che consentirono l’identificazione delle strutture cerebrali e dei meccanismi adibiti al mantenimento del sonno e della veglia, nasce la moderna Medicina del Sonno.

Nel 1953, Eugene Aserinsky, assistente del professore Nathaniel Kleitman osservando suo figlio dormire, notò dei rapidi movimenti oculari sotto le palpebre, che si interrompevano di tanto in tanto per poi riprendere e parevano dimostrare la sussistenza di attività cerebrale.
Furono reclutati dei volontari e avvalendosi di strumenti  in grado di registrare i movimenti dei bulbi oculari, le pulsazioni cardiache e i tracciati delle onde cerebrali, si potè giungere alla conclusione che il rapido movimento degli occhi era correlato con il sogno. Fino a quel momento si pensava che durante il sonno il cervello fosse in assoluto riposo. Era stato scoperto il sonno di tipo REM.
Le ricerche di Kleitman e Aserinsky rappresentarono il fondamento di molte delle aree di studio della medicina del sonno moderna. 

Le scoperte che si succedettero rapidamente negli anni, e che videro protagonista oltre al Dottor Kleitman, anche il Dott. William Dement permisero di definire la struttura del sonno, riconoscendo due diversi stati caratterizzati da un’alternanza ciclica: il sonno REM, da “rapid eye movements” e il sonno non-REM.
Ulteriori ricerche dimostrarono che svegliando i soggetti nella fase REM, nei giorni seguenti apparivano svogliati, apatici e di pessimo umore; diverse alterazioni del sonno fisiologico furono presto identificate e si sviluppò una branca della Medicina Specialistica in grado di riconoscere, diagnosticare e curare le patologie: era nata la Medicina del Sonno.

Sia negli Stati Uniti che in Europa, si sono rapidamente affermati su larga scala i "Centri di Medicina del Sonno" e in Italia il sistema sanitario può contare su centri e unità specializzate nel  trattamento dei disturbi del sonno in numero sufficiente per coprire l'intero territorio nazionale.

L’A.I.M.S. Associazione Italiana per la Medicina del Sonno fondata nel 1990, ha definito i requisiti fondamentali in materia di personale, attrezzature e attività che i Centri italiani del sonno devono possedere.

Le tipologie dei centri di medicina del sonno che sono riconosciute dall’AIMS:

- CENTRO MULTIDISCIPLINARE DI MEDICINA DEL SONNO: in grado di diagnosticare e trattare qualsiasi patologia legata al sonno.

- CENTRO PER I DISTURBI CARDIORESPIRATORI NEL SONNO: in grado di diagnosticare e trattare i disturbi cardiorespiratori nel sonno.

- CENTRO PER I DISTURBI DEL SONNO AD ORIENTAMENTO NEUROLOGICO e/o PSICHIATRICO: in grado di diagnosticare e trattare le dissonnie legate a disturbi neurologici e/o psichiatrici.

 

Pubblicato il 15 Marzo 2013

 
Cerca - Contenuti
Cerca - News
Cerca - Link web

Seguici su ...

Facebook-1 twitter 1  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  Youtube-1

Banner-Books

Banner-App

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies tecnici necessari al suo buon funzionamento. Per saperne di più sui cookies e su come eliminarli, leggi la nostra Privacy Policy.

Accetto i cookies per questo sito

EU Cookie Directive Plugin Information

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
 

 © 2013 Morfeo nella Rete | Privacy & Note Legali | Powered by Blue New Media - Milano | Contatti | Mappa del Sito

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies tecnici necessari al suo buon funzionamento. Per saperne di più sui cookies e su come eliminarli, leggi la nostra Privacy Policy.

Accetto i cookies per questo sito

EU Cookie Directive Plugin Information